SPEZZATINO DI MANZO

RISULTATO0SPEZZATINO DI MANZO

 

Dosi per 4 persone
Tempo: un’ora
Difficoltà: Media

 

 

INGREDIENTI
750 gr di spezzatino di manzo tenero
Mezza cipolla
Pomodoro concentrato q.b.
1 dado vegetale
Olio q.b.
Farina bianca tipo 00 q.b.

PREPARAZIONE
Fate appassire la cipolla tritata in una pentola ampia con un filo di olio.
Versate lo spezzatino nel trito di cipolla soffritta e fate passare sulla fiamma vivace girando di tanto in tanto fino a quando la carne non avrà tirato fuori un po’ di acqua e risulti esternamente cotta.
A questo punto spolverizzate la carne con un pugno di farina bianca tipo 00, coprite completamente la carne con acqua ed aggiungere il dado.
Fate cuocere per 50 minuti, mescolando di tanto in tanto, affinchè la farina non lasci grumi e poi aggiungete il pomodoro concentrato.
Lasciate bollire ancora per una decina di minuti, mescolando più volte, e poi servire fumante.
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
L’aggiunta della farina è facoltativa, si consiglia qualora vi piacesse avere un sughetto un po’ più denso.
Per chi le gradisse, allo spezzatino di possono aggiungere anche le patate: verso metà cottura, aggiungetele crude e tagliate a cubotti, per avere un succulento piatto completo!

CONSIGLI PREZIOSI
La regolazione dell’acqua per la cottura va gestita da voi, ad occhio, affinchè il sugo non risulti scarso o troppo denso.
Si consiglia di coprire completamente la carne per iniziare la cottura e portare ad ebollizione, dopodichè è a volta discrezione vedere se e quanta acqua aggiungere in fase di preparazione.

UN TOCCO IN PIU’
Per rendere il piatto un po’ “diverso” si consiglia, se lo gradite, un’aggiunta di paprica oppure di peperoncino rosso, ed il vostro spezzatino risulterà… con un tocco in più!

FILETTO DI MAIALE ARROSTO

20140302_1245340FILETTO DI MAIALE ARROSTO

 

Dosi per 4 persone
Tempo: un’ora e mezza
Difficoltà: Media

 

 

INGREDIENTI
600 gr di filetto di maiale
1 spicchio d’aglio
1 dado vegetale
Olio d’oliva q.b.

PREPARAZIONE
Fate dorare in una padella ampia lo spicchio d’aglio, pulito e diviso a metà, con l’olio.
Aggiungete il filetto di maiale e fate arrostire a fiamma vivace su entrambi i lati, girandolo di tanto in tanto, per 15-20 minuti, con mezzo dado vegetale.
Nel frattempo in un pentolino fate bollire un po’ di acqua (circa 2 bicchieri da cucina) con la restante metà di dado.
Terminata la rosolatura del filetto versate metà dell’acqua fatta bollire con il dado nella padella e lasciate cuocere, coprendo con un coperchio, per circa 40 minuti, girando l’arrosto di tanto in tanto.
Terminata la cottura ponete il vostro filetto su un tagliere di legno e lasciatelo raffreddare.
Una volta raffreddato tagliatelo a fettine spesse circa un dito.
Mentre preparate le fettine riportate ad ebollizione il sughetto di cottura che è rimasto nella padella in cui avete fatto cuocere il vostro arrosto, ed aggiungete la restante metà di acqua con dado che vi era rimasta.
Una volta che il sughetto inizierà a raggiungere una leggera ebollizione adagiate le fettine e fatele scaldare per una decina di minuti, girandole di tanto in tanto.
Servire caldo, con contorno di vostro piacimento (si consiglia un contorno di patate: al forno, oppure purea).
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
Se non gradite l’utilizzo del dado potete usare del sale nel momento in cui dovete far rosolare l’arrosto, e usare un brodino vegetale per il sughetto (potete ottenerlo dalla bollitura di una carota, una patata, una cipolla e del sedano).

CONSIGLI PREZIOSI
E’ importante che il “cuore” dell’arrosto risulti cotto nel momento in cui taglierete le fette, o al massimo leggermente rosato, ma non al sangue.
Per cui, per non rischiare di sbagliare la cottura, si consiglia di pungere l’arrosto a fondo con una forchetta durante la cottura: se esce del sangue vuol dire che è ancora crudo, se esce un po’ di acqua vuol dire che il centro dell’arrosto è rosato, altrimenti se è totalmente cotto non dovrebbe uscire quasi nulla dai fori provocati dalla forchetta.

UN TOCCO IN PIU’
Se vi piace potete aggiungere un rametto di rosmarino durante la cottura, per dare un po’ più di sapore alla carne, e poi, nel momento in cui scaldate le fettine, potete dare una spruzzatina di aceto balsamico. In questo modo la vostra carne avrà un sapore leggermente agrodolce e risulterà… con un tocco in più!

 

TORTIGLIONI MOZZARELLA E ZUCCHINE

RISULTATO0TORTIGLIONI MOZZARELLA E ZUCCHINE

 

Dosi per 4 persone
Tempo: mezz’ora
Difficoltà: Bassa

 

 

INGREDIENTI
300 gr di tortiglioni
1 zucchina
2 uova
1 mozzarella da 100 gr

PREPARAZIONE
In un tegamino fate soffriggere la zucchina tagliata a rondelle con un filo di olio d’oliva.
Quando la zucchina sarà cotta spegnete la fiamma e fate raffreddare.
Intanto in una pentola fate bollire abbondante acqua salata e versateci dentro i tortiglioni per circa 10 minuti.
Appena le zucchine si saranno raffreddate aggiungete nel tegamino le 2 uova e la mozzarella, e mescolate bene.
Scolate la pasta al termine della cottura e condite con il sugo che avete preparato mescolando il tutto bene, sulla fiamma bassa, fino a quando la mozzarella non diventerà filante.
Fate le porzioni e servite caldo.
Buon appetito!

CONSIGLI PREZIOSI
E’ importante dare la giusta cottura alle zucchine: non devono essere né troppo cotte, da risultare “abrustolite” in alcuni punti, né troppo crude, da risultare troppo croccanti sotto i denti.

UN TOCCO IN PIU’
Per dare maggior gusto a questo condimento potete spolverare le porzioni con un po’ di parmigiano e pepe nero, ed il vostro piatto risulterà… con un tocco in più!

CROSTATA DI ALBICOCCHE

RISULTATO20CROSTATA DI ALBICOCCHE

 

Dosi per 6 persone
Tempo: 1 ora e mezza
Difficoltà: Media

 

 

INGREDIENTI
350 gr di farina tipo 00
150 gr di zucchero
125 gr di burro ammorbidito
1 bustina di lievito per dolci
La scorza di 1 limone
2 uova
1 bustina di vanillina
300 gr di marmellata di albicocche

PREPARAZIONE
Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente per un paio di ore prima di iniziare la preparazione della crostata.
Imburrate ed infarinate l’interno della teglia (sia il fondo che i bordi) che userete per la crostata.
In un’ampia ciotola unite la farina, lo zucchero, la vanillina, la scorza grattugiata di un limone e mescolate.
Tagliate il burro a cubetti ed unitelo all’impasto, insieme alle uova.
Iniziate ad amalgamare l’impasto con le mani, fino ad ottenere un panetto omogeneo e compatto: solo verso fine impasto aggiungete il lievito.
Stendete due terzi dell’impasto nella teglia creando un sottile strato di pasta sul fondo e sui bordi.
Spalmateci sopra la marmellata con un cucchiaio.
Stendete la restante parte di pasta su un pezzo di carta da forno e ritagliate delle strisce che adagerete sulla marmellata in senso orizzontale e verticale, per creare il motivo sopra la crostata.
Ripiegate i bordi dell’impasto verso l’interno, in modo da ottenere una crosta di contorno.
Mettete la crostata nel frigo per 20 minuti, al fine di bloccarne la lievitazione.
Una volta estratta dal frigo infornatela a forno spento, che accenderete a 180° (statico) quando la crostata sarà già dentro, per 30 minuti.
Lasciate raffreddare prima di servirla o mangiarla.
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
Se preferite potete usare qualunque altro tipo e gusto di confettura a vostro piacimento.

CONSIGLI PREZIOSI
Cercate di stendere la pasta il più possibile, per evitare che, lievitando nella cottura, la crostata diventi troppo spessa.
Osservare scrupolosamente il tempo di cottura di 30 minuti per evitare che l’impasto, cuocendo di più, diventi troppo secco.

UN TOCCO IN PIU’
Se volete fare una ricetta un po’ più creativa si consiglia di usare più tipi di marmellate, come ad esempio mostrato nella foto sottostante, in cui è stata usata per metà teglia la marmellata di albicocche e per metà quella di limoni. In questo modo potrete accontentare i gusti di tutti, e la vostra torta risulterà… con un tocco in più!

BUDINO AL CREME CARAMEL

RISULTATO 10BUDINO AL CREME CARAMEL

 

Dosi per 6 persone
Tempo: 1 ora e mezza
Difficoltà: Media

 

 

INGREDIENTI
150 gr di panna fresca
450 gr di latte intero
4 uova intere + 1 tuorlo
1 bustina di vanillina
120 gr di zucchero per il budino + 150 gr per il caramello

PREPARAZIONE
Versate il latte in un pentolino con la vanillina e portatelo ad ebollizione, dopodichè lasciatelo raffreddare per almeno mezz’ora per favorire l’infusione della vaniglia.
Nel frattempo in un’ampia ciotola sbattete le uova con lo zucchero.
Termina l’infusione con la vaniglia, aggiungete la panna al latte.
Mescolate il tutto e versatelo a pioggia nelle uova appena sbattute con lo zucchero, continuando a mescolare con una frusta.
Dopodichè fate caramellare in un padellino lo zucchero, ed una volta che è diventato dorato al punto giusto versatelo subito nello stampo del budino e spalmatelo sul fondo e sui bordi prima che solidifichi.
Appena il caramello si sarà indurito versare l’impasto del budino preparato.
Adagiate la teglia del budino all’interno di una più grande ed aggiungete dell’acqua fino a coprire lo stampo del budino per un terzo.
Fate cuocere a bagnomaria in forno preriscaldato a 180° per 50 minuti.
Terminata la cottura lasciatelo raffreddare prima di metterlo in frigo, dove dovrà rimanere almeno per 4 ore, prima di capovolgerlo e servirlo.
Buon appetito!

CONSIGLI PREZIOSI
Quando versate il latte, con la panna e la vaniglia nelle uova sbattute, usate un colino per filtrare il siero che il latte avrà rilasciato con l’ebollizione.
Per fare il caramello si consiglia di non usare pentolini antiaderenti che non consentono una semplice e ben dorata formazione del caramello.
Prima di ribaltare il budino sul piatto da portata, si consiglia di passare con la lama di un coltello tutto il contorno del budino per favorirne la staccatura dal bordo dello stampo, senza spaccature.

UN TOCCO IN PIU’
Se volete dare spazio alla vostra creatività, aggiungete ad ogni fetta che servirete un ricciolino di panna con un paio di frutti di bosco, ed in questo modo il vostro dolce risulterà… con un tocco in più!

PUREA DI PATATE

RISULTATO0PUREA DI PATATE

 

Dosi per 4 persone
Tempo: 1 ora e mezza
Difficoltà: Bassa

 

 

INGREDIENTI
6 patate grosse
20 gr di burro
1 bicchiere di latte
Sale q.b.

PREPARAZIONE
Fate bollire le patate con la buccia in abbondante acqua salata per circa un’ora.
Scolatele, lasciatele raffreddare e poi pelatele e tagliatele a cubotti.
Ponete tutti i cubotti in un passaverdure e procedete con la passata all’interno di un pentolino abbastanza ampio.
Una volta terminato di passare le patate aggiungete abbondante sale, il latte ed il burro.
Mettete il pentolino sulla fiamma vivace e girate continuamente fino a quando non otterrete una crema densa e senza grumi.
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
Se non lo gradite potete non mettere il burro nella preparazione, però lo si consiglia in quanto rende la purea più morbida, per cui al massimo riducetene un po’ la quantità se non vi piace molto.
Per quanto riguarda il latte si consiglia di versarlo un po’ per volta, in quanto sarete voi a giudicare se e quanto aggiungerne a seconda del vostro gusto: se gradite la purea più densa oppure più liquida.

CONSIGLI PREZIOSI
Quando fate bollire le patate, abbiate cura di scolarle dall’acqua quando sono ancora un po’ croccanti (potete verificare la croccantezza pungendo con una forchetta).
Inoltre, datochè la patata mantiene per lungo tempo il calore dopo la bollitura, si consiglia di farle bollire anche il giorno prima o qualche ora prima della preparazione della purea.

UN TOCCO IN PIU’
Se vi piace aggiungete, oltre a latte, burro e sale, un po’ di parmigiano grattugiato ed un pizzico di pepe nero. Così il vostro piatto avrà un maggior gusto, e risulterà… con un tocco in più!

CONTORNO MEDITERRANEO

RISULTATO0CONTORNO MEDITERRANEO

 

Dosi per 4 persone
Tempo: 45 minuti
Difficoltà: Bassa

 

 

INGREDIENTI
4 patate medie
1 peperone rosso
1 melanzana
2 zucchine
2 cucchiai di passata di pomodoro
Olio extravergine d’oliva e sale q.b.

PREPARAZIONE
Pelate e lavate le patate, dopodichè tagliatele a cubotti non troppo piccoli.
Intanto fate scaldare l’olio in una padella ampia.
Quando l’olio sarà caldo versateci dentro le patate e fatele cuocere per 15 minuti, senza salarle e girandole di tanto in tanto.
Intanto procede con la pulizia ed il taglio delle verdure: sia il peperone, che la melanzana e le zucchine devono essere fatte a cubotti più o meno delle stesse dimensioni delle patate.
Aggiungete alle patate tutta la verdura tagliata, salate e fate cuocere a fuoco vivace coprendo con un coperchio, per 20 minuti, girando di tanto in tanto.
Togliete il coperchio senza il quale terminerete gli ultimi 10 minuti di cottura, aggiungendo la passata di pomodoro.
Servite caldo.
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
Se volete potete preparare il contorno anche senza l’aggiunta della passata di pomodoro, oppure sostituendola con un pomodoro fresco tagliato a cubotti come la restante verdura ed aggiungendolo in cottura.

CONSIGLI PREZIOSI
La cottura con il coperchio serve per far fuoriuscire l’acqua dalle verdure e farle cuocere ed ammorbidire più velocemente, ma se notate che girandole tendono a disfarsi continuate la preparazione senza coperchio anche prima dei 20 minuti consigliati, per favorire l’assorbimento dell’acqua.

UN TOCCO IN PIU’
Per chi lo gradisse si può dare un gusto speziato al vostro contorno, aggiungendo verso fine cottura un po’ di origano, ed in questo modo il vostro piatto risulterà… con un tocco in più!

 

RISO ALLA CANTONESE

RISULTATO0RISO ALLA CANTONESE

Dosi per 4 persone

Tempo: mezz’ora

Difficoltà: Bassa

 

 

INGREDIENTI

250 gr di riso

Mezza cipolla

125 gr di prosciutto cotto a dadini

3 uova

250 gr di piselli

1 cucchiaio di salsa di soia

Olio di semi e sale q.b.

PREPARAZIONE

Sbollentate i piselli in acqua salata e scolateli quando saranno ancora al dente.

Sbattete le uova in una terrina con un pizzico di sale.

Intanto in una padella fate soffriggere la cipolla con un po’ d’olio, e quando sarà imbiondita aggiungete le uova e mescolate continuamente fino a che non si saranno strapazzate.

Traferite le uova in un piatto e tritatele finemente con una forchetta.

Intanto in una padella con dell’olio fate saltare per qualche minuto a fiamma vivace i piselli con il prosciutto, con un pizzico di sale.

Fate bollire il riso in abbondante acqua salata, e quando sarà cotto scolatelo.

Versate il riso in un’ampia padella dove avrete fatto soffriggere la restante cipolla con un filo d’olio, aggiungete la salsa di soia e fatelo saltare sulla fiamma per qualche minuto fino a che sarà un po’ croccante.

Al termine aggiungete le uova, il prosciutto ed i piselli e mescolate tutto sulla fiamma ancora per un paio di minuti.

Servire caldo.

Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE

Essendo anche questa una ricetta originale non sono consigliate alternative, proprio per poter gustare al meglio la cultura e la tipicità della cucina cinese.

L’unica cosa che posso dirvi, se non la gradite, è di non utilizzare la cipolla, anche se la ricetta originale richiede proprio il sapore della cipolla per poter rendere la ricetta davvero unica e speciale.

In alternativa all’olio di semi, potete usare l’olio d’oliva.

CONSIGLI PREZIOSI

Si raccomanda di far cuocere tutto bene: le uova, i piselli con il prosciutto ed il riso, sulla fiamma, perché la vera ricetta deve risultare il più “croccante” possibile.

UN TOCCO IN PIU’

Per chi gradisse la salsa di soia si consiglia di aggiungerne ancora nel piatto preparato, per poter rendere il riso… con un tocco in più!

MALLOREDDUS ALLA CAMPIDANESE

RISULTATO

0MALLOREDDUS ALLA CAMPIDANESE

Dosi per 4 persone
Tempo: 1 ora e mezza
Difficoltà: Media

 

 


INGREDIENTI

400 gr di malloreddus
Mezza cipolla piccola
200 gr di pecorino
300 gr di passata di pomodoro
300 gr di salsiccia
Olio extravergine d’oliva q.b.

PREPARAZIONE
Tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire in un’ampia padella con un filo d’olio.
Spellate la salsiccia e disfatela grossolanamente con le mani e unitela al soffritto di cipolla.
Fate rosolare la salsiccia per 15 minuti a fiamma vivace, rimestandola spesso.
Unite la passata di pomodoro, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa un’ora a fiamma bassa.
Quando il sugo sarà pronto fate bollire i malloreddus in abbondante acqua salata per circa 15 minuti.
Intanto grattugiate il pecorino in una terrina ed aggiungetevi un paio di mestoli d’acqua di cottura dei malloreddus.
Mescolate bene fino ad ottenere una crema.
Scolate i malloreddus e versateli direttamente nella padella del sugo, mescolate bene ed infine aggiungete la crema di pecorino.
Mescolate ancora il tutto per bene, dopodichè fate le porzioni e servite caldo.
Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE
Purtroppo non ci sono alternative a questo piatto, in quanto essendo la vera ricetta della tradizione sarda, per gustare al meglio la tipicità di questa fantastica terra va gustata proprio così come descritta.
L’unica cosa che volendo potete aggiungere è un po’ di rosmarino sminuzzato all’interno del sugo, se vi piace.

CONSIGLI PREZIOSI
Fate attenzione a non far asciugare troppo il sugo, per cui regolate voi la cottura in modo che il sugo rimanga sufficientemente liquido, all’occorrenza allungate con un po’ d’acqua durante la cottura.

UN TOCCO IN PIU’
Sulle singole porzioni, per chi lo gradisse, si può aggiungere una spolverata di pecorino o parmigiano grattugiato ed in aggiunta o in alternativa un po’ di peperoncino rosso in polvere, ed il vostro piatto risulterà… con un tocco in più!


PIZZA CON POMODORINI E OLIVE NERE

RISULTATO

0PIZZA CON POMODORINI E OLIVE NERE

Dosi per 4 persone

Tempo: 3 ore

Difficoltà: Media

 

 

INGREDIENTI

500 gr di farina tipo 0

2 bicchieri di acqua tiepida

25 gr di lievito di birra

1 cucchiaino da caffè di sale fino

1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva + q.b. per condire la pizza

200 gr di salsa di pomodoro

300 gr di mozzarella per pizza

10 pomodorini datterini

2 cucchiai di olive nere

PREPARAZIONE

Versate la farina in un contenitore abbastanza ampio (es. un’insalatiera) preferibilmente in porcellana.

Intanto riempite 2 bicchieri da cucina con acqua tiepida e sbriciolate dentro a ciascuno il lievito di birra, dopodichè mescolate bene con un cucchiaino.

Create un buco all’interno della farina e versateci all’interno l’olio e l’acqua con il lievito sciolto.

Impastare il tutto bene per una decina di minuti fino a che l’impasto non sarà amalgamato, senza grumi ed elastico.

Formate una pallina e lasciatela a riposare per un paio d’ore coperta con un canovaccio umido.

Intanto tagliate la mozzarella da pizza a piccoli dadini, versate la salsa di pomodoro in una terrina ed aggiungeteci un pizzico di sale ed un filo d’olio.

Lavate i pomodorini e divideteli in due, e preparate in un altro piattino le olive nere (non andranno divise né tagliate, l’importante è che siano disossate).

Terminata la lievitazione reimpastate un po’ il composto e stendetelo sulla teglia del forno (che avrete precedentemente coperto con la carta da forno) oppure nelle teglie da pizza antiaderenti.

L’impasto risulterà un po’ elastico e sarà difficile da stendere perché tenderà ad attaccarsi alle mani, per cui si consiglia di infarinare un po’ la superficie dell’impasto da stendere e le mani.

Una volta stesa la pasta bucherellatela con una forchetta e condite mettendo il pomodoro, poi i pomodorini e le olive ed infine la mozzarella.

Infornate nel forno (che avrete preriscaldato a 220°) per 15 minuti se usate un forno ventilato o per 20 minuti se usate un forno statico.

Servire calda.

Buon appetito!

ALTERNATIVE PROPOSTE

Questa pizza può ovviamente essere condita in qualunque maniera, per cui sbizzarritevi come preferite, con o senza pomodoro, e con ogni tipo di formaggio, affettato o verdura.

CONSIGLI PREZIOSI

Fate attenzione durante la cottura in forno, quando il condimento sopra ed il bordo della pizza risulteranno un po’ scuriti e croccanti vuol dire che la vostra pizza è pronta, verificate solo sollevando un po’ il fondo che non sia crudo ma considerate che rimarrà sempre chiaro, in quanto si tratta di una cottura al tegamino e non a diretto contatto con la superficie del forno, come in pizzeria.

UN TOCCO IN PIU’

Per gli amanti dei gusti un po’ più “ speziati” si consiglia di dare una spruzzata di origano prima di infornare, così la vostra pizza risulterà… con un tocco in più!